Cittā di Camposampiero

Servizi Sociali ed Asilo Nido

 

RESPONSABILE: Carraro Marco

 

RESPONSABILE DEI SERVIZI: Bortolato Rosella

 

I servizi sociali del Comune intervengono nel territorio con un servizio mirato e rivolto alle fasce più deboli, cercando di offrire risposte concrete alle esigenze della popolazione residente ed aiutare attraverso gli strumenti legislativi a disposizione quanti si trovano in casi di comprovato disagio economico.
 

L’Amministrazione comunale pone particolare attenzione alle seguenti categorie di persone:

- Anziani; 

- Bambini in età prescolare;

- Ragazzi delle scuole medie ed elementari;

- Persone con handicap;

- Persone economicamente disagiate;

- Stranieri;

- Persone con problemi abitativi.
 

 

La terza età è senza dubbio uno degli aspetti maggiormente seguiti, in quanto coinvolge un numero sempre maggiore di persone.
 

Statisticamente la nostra popolazione sta invecchiando celermente ed è cura del Comune valorizzare questo momento delicato della vita, con iniziative che coinvolgano i nostri anziani.

 

POPOLAZIONE ADULTA/ANZIANA
 

E’ considerato un valore importante la possibilità che ogni persona anziana, o al limite dell’autosufficienza, rimanga il più a lungo possibile presso la propria abitazione, conducendo un’esistenza libera anche se protetta.
 


 

Questi i principali servizi erogati:


 

Centro per Anziani Pensionati
 

E’ stato istituito con atto notarile il 15.04.1994. La gestione attuale è affidata ad un Comitato direttivo composto da un Presidente, un Vice Presidente e da 11 membri. Gli anziani soci sono 320, frequentanti a rotazione ogni giorno un centinaio. L’attività svolta dai pensionati è per lo più ricreativa con organizzazione di corsi di musica, teatro, convegni su problemi di medicina specifica per gli anziani, gite, gioco di carte e tombola.

 

Soggiorni climatici anziani
 

Da molti anni l’Amministrazione Comunale organizza in favore della popolazione anziana soggiorni climatici in località montana e marina.

I soggiorni, della durata di 14 giorni, si svolgono nel mese di luglio in montagna e tra la fine di agosto e l’inizio di settembre al mare.


 

Festa anziani
 

Viene organizzata alla fine di settembre e coinvolge tutti i comitati di zona presenti in paese e la Pro Loco. Gli anziani partecipanti sono mediamente oltre 300. Viene loro chiesto un modico contributo.

Il Comune interviene con un contributo.


 

Attività sportiva e ricreativa anziani
 

Vengono organizzati i corsi di attività motoria per la terza età in collaborazione con la Polisportiva Olimpia. Il Comune mette a disposizione gratuitamente i locali, raccoglie le iscrizioni, divide i turni, avvisa gli interessati. L’attività si divide in due periodi: gennaio/maggio e settembre/dicembre di due turni ciascuno.


 

Ricoveri in Casa di Riposo
 

L’Amministrazione Comunale provvede ad integrare il pagamento delle rette di ricovero in favore di propri cittadini in precarie condizioni economiche, non in grado di far fronte autonomamente alla spesa per la retta di ricovero e che non hanno parenti tenuti per legge agli alimenti.

 

Interventi economici vari
 

L’amministrazione comunale, in base ad un proprio regolamento, eroga contributi a titolo di sostegno economico in favore di cittadini singoli o nuclei familiari in difficoltà che vengono così denominati:

- contributi di Minimo Vitale per quei singoli o nuclei familiari in precarie condizioni economiche (sostegno che non ha carattere di continuità);
 

- contributi economici straordinari, ad esempio per consumi domestici, spese per favorire la frequenza scolastica, ecc.

 

MINORI E RISPETTIVE FAMIGLIE

Il Comune ha la titolarità della funzione di tutela dei minori del proprio territorio. Il valore che l’Amministrazione Comunale assume come fondamento dei propri interventi è garantire ad ognuno una famiglia nella quale poter crescere, sostenuto dall’affetto e dalle cure necessarie.


 

Questi i principali servizi erogati:
 

 

Hobbies in Vacanza
 

Si tratta di attività ricreative rivolte ai ragazzi delle scuole elementari e medie che offrono agli stessi occasioni di svago e opportunità di sviluppo delle proprie potenzialità creative e sportive; nello stesso tempo hanno funzione educativa e sociale a vantaggio di una maggiore integrazione nonché per contribuire ad eliminare fenomeni di emarginazione nella fascia dell’età evolutiva.

Le attività si articolano in:
 

1. PROGETTO EDUCATIVO DI ANIMAZIONE (attività creative e ludiche): rivolte agli alunni delle classi 1^ 2^ e 3^ della scuolaelementare.

2. ATTIVITÀ SPORTIVE: rivolte ai ragazzi delleclassi 4^ e 5^ elementare e della scuola media.


 

Asilo Nido
 

Atro aspetto particolarmente seguito è quellodi aiuto alle famiglie impegnate nel lavoro o che per altre cause non possonoseguire i loro figli.

Con l’Asilo Nido si è dato una rispostaconcreta a questo tipo di problemi per i più piccoli. L’iniziodell’attività è avvenuto il 1 ottobre 1985 e nel 2000 si è provvedutoall’ampliamento della struttura. E’ stata ricavata una sezione inpiù con ampliamento della sala mensa, dei servizi, della stanza riposo.
 

La gestione è stata affidata al ConsorzioNAZCA di Mestre (Ve).
 

Attualmente possono usufruire del servizio n.39 bambini.

Unitamente alla domanda va presentata ladichiarazione sostitutiva unica con cui si documenta la situazione economicadel nucleo familiare con dichiarazione anche del patrimonio mobiliare eimmobiliare del nucleo.

Da questi dati viene calcolatol’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE).

 

Centro Straelle

Per i bambini e i ragazzi in età scolare conproblemi di apprendimento o di inserimento si è provveduto con ilCentro Straelle finanziato con la legge regionale 285/97 suprogetto presentato dall’ULSS.

Coinvolge i Comuni di Camposampiero(capofila), Borgoricco e Massanzago. La sede è ubicata presso l’exscuola di Straelle e ospita circa 50 ragazzi dalle scuole elementari e medie.La gestione è stata affidata alla Cooperativa Arcobaleno di Camposampiero einoltre operano tirocinanti dell’Università di Padova.

Inoltre il Comune di Camposampiero, per i suoiiscritti, gestisce la mensa, il trasporto e le pulizie.

I partecipanti pagano mensilmente una retta dipresenza e le spese di trasporto.

 

Assegni per il nucleo familiare eassegni di maternità: Informazioni generali

Il nucleo familiare cui si fariferimento è composto dal richiedente la prestazione, dai componenti lafamiglia anagrafica e dai soggetti considerati a carico, ai fini IRPEF, delrichiedente e di ciascuno dei componenti la famiglia anagrafica.

Il nucleo familiare diriferimento per la concessione dell’assegno di maternità è composto daisuddetti componenti incluso il figlio per la nascita del qualel’assegno è richiesto. Gli assegni saranno erogati nel caso disituazioni economiche inferiori ai limiti stabiliti dalla Legge n. 448/98,aggiornati annualmente secondo gli indici ISTAT.

La dichiarazionesostitutivadella situazione economica che vapresentata unitamente alla domanda, è una dichiarazione con cui si documentatutta la situazione economica del nucleo familiare; viene fatta unavalutazione quindi anche del patrimonio mobiliare e immobiliare del nucleo.Non bisogna perciò confondere tale dichiarazione con la dichiarazione deiredditi. Con i dati contenuti nella dichiarazione viene calcolatol’indicatore di situazione economica (ISE) sulla base del quale siverificherà se il nucleo può essere ammesso al contributo. Si richiamal’attenzione sulle responsabilità penali in ordine a quanto dichiaratonella dichiarazione sostitutiva resa ai sensi di legge e sui controlli chepotranno essere eseguiti per accertare la veridicità dei contenuti.Glistampati (modelli da scaricare) per inoltrare domanda diassegno per il nucleo familiare o di maternità, corredati della dichiarazionesostitutiva e delle istruzioni per la compilazione, sono in distribuzionepresso l’UFFICIO SERVIZI SOCIALI aperto tutti i giorni dal lunedì alsabato dalle ore 9.00 alle 13.00, il mercoledì pomeriggio dalle ore 15.00alle ore 18.00.

Gli stampati, una volta compilati, vannoriconsegnati all’UFFICIO SERVIZI SOCIALI che li inoltra al CAF ACLI consede a Camposampiero in Via Bonora, 12.

 

Assegni per il nucleofamiliare

È un contributo economico che il Governo hastabilito di dare alle famiglie nelle quali siano presenti il richiedente,cittadino italiano o comunitario residente nel territorio dello Stato, e 3 opiù figli minori di anni 18 conviventi con il richiedente, che siano figlidel richiedente medesimo o del coniuge o da essi ricevuti in affidamentopreadottivo.

Per richiedere il contributo bisogna:

1. essere cittadini italiani o comunitari,residenti nel territorio dello Stato;

2. essere conviventi con almeno 3 figli di etàinferiore ai 18 anni, anche nel caso di minori figli solo del coniuge o diminori ricevuti in affidamento preadottivo;

3. far parte di un nucleo familiare inpossesso di risorse economiche che, calcolate in base all’indicatoredella situazione economica (ISE), non siano superiori al limite stabilitosulla base del numero dei componenti il nucleo stesso.

La domanda può esserepresentata al proprio Comune di residenza entro il 31 gennaiodell’anno successivo a quello per il quale è richiesto ilcontributo.

La data di presentazione non incide sui tempidi erogazione del contributo, che viene conteggiato a partire dal 1 gennaio,se a quella data nel nucleo erano già presenti 3 figli minori, ovvero dalmese in cui si è verificata la condizione del 3° figlio.

L’assegno verrà versatodall’INPS in forma posticipata semestrale, sulla basedei dati trasmessi dal Comune almeno 45 giorni prima della scadenza delsemestre.

 

Assegno di maternità

È un contributo economico che il Governo hastabilito di dare alle mamme che, nel periodo di astensione obbligatoria, nonbeneficiano di trattamenti previdenziali di maternità, a cui corrispondonoanche i trattamenti economici di maternità erogati ai sensi dell’art.13, 2 comma, della L. 1204/1971, nonché gli altri trattamenti economici dimaternità corrisposti da datori di lavoro non tenuti al versamento deicontributi di maternità. L’assegno, corrispondente a 5 mensilità, èerogato in unica soluzione per ogni figlio nato o per ogni minore adottato oin affidamento preadottivo che non abbia superato i 6 anni di età.


 

Per richiedere il contributobisogna:

1. essere cittadine italiane, oppure esserecittadine comunitarie o in possesso della carta di soggiorno ai sensidell’art. 9 del D.Lgs. 25.07.1998, n. 286, e residenti nel territoriodello Stato;

2. non beneficiare di alcuna tutela economicadella maternità. Qualora l’indennità mensile corrisposta sia inferioreal limite stabilito, le lavoratrici interessate possono avanzare richiesta alComune per la concessione della quota differenziale;

3. avere un figlio nato o entrato nellafamiglia anagrafica per affidamento preadottivo o per adozione senzaaffidamento;

4. far parte di un nucleo familiare inpossesso di risorse economiche che, calcolate in base all’indicatore disituazione economica (ISE) non siano superiori al limite stabilito sulla basedel numero dei componenti il nucleo stesso.

La domanda va presentata al proprio Comune diresidenza entro 6 mesi dalla data del parto, o dalla data di ingresso delminore nella famiglia anagrafica della donna che lo riceve in affidamentopreadottivo o in adozione senza affidamento.

L’assegno verrà corrispostodall’INPS in un’unica soluzione entro 45 giornidalla data di ricezione dei dati trasmessi dal Comune.

 

Minori abbandonati riconosciuti dallasola madre

L’Amministrazione Comunale, ai sensidella legge regionale n. 9/91, partecipa alla spesa sostenuta dalla Provinciadi Padova per la gestione di strutture di accoglienza e il sostegno dellemadri in difficoltà e per la tutela dei minori.

 

Inserimento in struttureprotette

Nel caso in cui anche l’affido risultiinsufficiente il bambino può essere inserito in strutture di accoglienza,comunità alloggio o gruppo famiglia, su progetto elaborato dai servizisocio-sanitari del territorio in collaborazione con i responsabili dellastruttura di accoglienza.


 

Contributi affitti: (legge 431/98 art.11)

I contributi sono erogati dello Stato e dellaRegione. Il Comune su direttiva della Regione Veneto pubblica il bando,raccoglie le domande e la relativa documentazione, inserisce i dati nellabanca dati della Regione, eroga i contributi.


 

Fornitura libri di testo

Legge 448/98 e 488/99

Il comune raccoglie le domande come da bandodella Regione Veneto e inoltra alla stessa le richieste. Successivamente,dopo la concessione del contributo da parte dello Stato, integrato con quellodella Regione, provvede alla liquidazione.

 

Borse di studio

Legge n. 62 del 10.03.2000
 

Il Comune raccoglie le domande come da bandodella Regione Veneto e inoltra alla stessa le richieste. Successivamente,dopo la concessione del contributo da parte della Regione provvede allaliquidazione.


 

POPOLAZIONE DISABILE
 

L’Amministrazione Comunale riconoscequale valore prioritario quello di operare affinché, attraverso i diversiservizi offerti venga garantito il raggiungimento-mantenimento della maggioreautonomia possibile alle persone disabili, consentendo loro di viverenell’ambiente più idoneo, evitando il rischio del ricovero in istitutoe offrendo opportunità utili a realizzare l’integrazione sociale. Conla legge regionale n. 55/82 tali competenze sono state delegateall’Ulss, che in modo uniforme, per tutto il territorio dei 28Comuni,organizza e gestisce i servizi a favore dei disabili, mentre l’onerefinanziario è sostenuto dai Comuni.

 

Questo il principale servizioerogato:

 
 

Soggiorni per handicappati
 

Relativamente invece alle persone con handicapvengono organizzati dal volontariato locale e dalle strutture specifiche inparticolare con l’Associazione di volontariato l’Arcobaleno, ilCeod e il Centro Betulla di Torreselle i Soggiorni perhandicappati Il Comune garantisce una retta uguale a ciascunpartecipante e per un massimo del 50% dell’importo dietro presentazionedi regolare fattura o analitico rendiconto.

 

ALTRI SERVIZI
 

Badanti

I Comuni sono chiamati a svolgerel’istruttoria per la concessione di contributi alle famiglie residentiche assistono in casa persone non autosufficienti con aiuto di assistentifamiliari.
 

Possono chiedere i contributi le persone nonautosufficienti che hanno sottoscritto un contratto di lavoro con uno o piùassistenti familiari per la propria assistenza in casa o per le quali lostesso contratto viene stipulato da un familiare (parente o affine fino al 4°grado).

Le condizioni di ammissibilità sono leseguenti:
 

a. contratto di lavoro per la regolareassunzione di una persona dedicata allo svolgimento di funzioni assistenzialia favore di persona, appartenente al nucleo familiare, nonautosufficiente;
 

b. attestazione della condizione di nonautosufficienza accertata dalla Unità valutativa multidisciplinare delDistretto;

c. documentazione autorizzativa rilasciatadalla competente autorità a norma della Legge 189/2002 se prevista;
 

d. estremi della ricevuta del pagamento deglioneri economici connessi alla regolarizzazione dei rapporti antecedenti ilcontratto di lavoro;

e. situazione economica del nucleo familiarein cui vive la persona assistita identificata con i parametri ai fini ISEE edistinta ai seguenti livelli economici:
 


 

1. per nuclei familiari fino a 3 componenti(compresa la persona assistita) ISE € 26.855,76

2. per nuclei familiari con più di 3componenti ISE € 41.316,55


 

Non sono ammessi ai contributi le persone chegià beneficiano dei contributi di cui alla legge 5/01 perché affette dademenza di tipo alzheimer.

E’ possibile fare domanda in ognimomento dell’anno fino al 31.12.2003.

 

Progetto Stop&Go 2003

Nell’ambito della Direttiva Regionaleper gli interventi di orientamento per l’anno 2003 - all. 1 Interventidi orientamento per adulti, è stato finanziato un progetto denominato"Stop&Go 2003 - Percorsi di sviluppo alla cittadinanza attiva" che è lanecessaria prosecuzione alla progettualità finanziata dalla Regione Venetocon la direttiva di orientamento 2002.
 

Il progetto vede il COMUNE DI CAMPOSAMPIEROquale ente capofila; gli enti partner sono: CENTRI TERRITORIALI DI EDUCAZIONEPERMANENTE DI CAMPOSAMPIERO E CITTADELLA, COOPERATIVA NUOVO VILLAGGIO, ULSS15 INFORMAGIOVANI DI CITTADELLA E CAMPOSAMPIERO, ENAIP VENETO, FOREMA, ASCOMSERVIZI PADOVA SRL, NEXT SRL, COMUNE DI VIGONZA

Il Progetto vuole migliorare le competenzedegli adulti svantaggiati (italiani e/o stranieri) sia dal lato professionaleche sociale per una piena realizzazione della persona e dei diritti dicittadinanza. Tali interventi rientrano nello sviluppo delle politiche attivedel lavoro e dei servizi di supporto alla popolazione a rischio di esclusionesociale inserendosi anche nelle politiche per l’integrazione sociale,culturale e professionale.
 

Si tratta di azioni di mediazione,accompagnamento e sostegno ai percorsi individuali di mobilità deglistranieri immigrati e italiani svantaggiati, per evitare i rischi del lorosconfinamento nelle nicchie più svantaggiate dei mercati del lavoro locali ela dilapidazione di capitale umano

Gli obiettivi in particolare, che il progettovuol perseguire sono:
 

1. La presa in carico, da parte dei servizipresenti nel territorio in qualità di partner del progetto, delcliente/utente, target del progetto per una crescita culturale e personaledello stesso nella valorizzazione delle sue risorse possedute attraversopercorsi formativi e orientativi di bilancio che portino alla pienarealizzazione/promozione della persona e dei suoi diritti di cittadinanza.

2. Supportare psicologicamente in manieraefficace, alcuni casi/utenti del gruppo target che aderiranno al progetto,che vivono l’attuale loro condizione sociale e professionale(lontananza dal sistema formativo e professionale, lavoratori stranieri,donne disoccupate) in maniera depressiva o demotivante. In tal senso ilsupporto psicologico realizzato da uno psicologo, iscritto all’albodegli psicologi, si realizzerà con colloqui individuali con l’utentecontestualmente al percorso formativo e/o di bilancio del progetto e insintonia con gli operatori del progetto e agirà con l’utilizzo distrategie di incoraggiamento che vadano a rafforzare o a costruireun’immagine personale positiva. Tale condizione è il presuppostoessenziale per una piena e consapevole adesione a tutto il progetto disviluppo alla promozione della persona.
 

3. Offrire una opportunità di crescitaculturale e professionale a persone che per motivi professionali e/opersonali cercano di rileggere da una angolazione inedita la propria storiaprofessionale e di arricchirla con nuove competenze , con particolareattenzione a quelle di base e trasversali.

4. Offrire un supporto per individuaremodalità originali e su propria misura di inserimento professionale, pervivere le nuove tendenze del mercato del lavoro in maniera più consapevole esoprattutto attiva ( piuttosto che di passiva accettazione/rassegnazione);
 

5. Garantire maggiori opportunità di accessoai servizi orientativi-bilancio professionale, formativi e sociali nelcamposampierese per lo sviluppo della qualità della vita, del benesserepsicosociale, per una partecipazione attiva e consapevole nella comunitàlocale e nel mondo produttivo a favore della popolazione più sfavorita chevive in situazioni di esclusione sociale e non cittadinanza.

 

ASSISTENTE SOCIALE
 

Riceve il lunedì e il giovedì presso ilDistretto Sanitario di Via Bonora dalle ore 9.00 alle ore 12.00 previoappuntamento. Telefono 049 9322417