Cittā di Camposampiero

INCONTRI CON L'AUTORE 2019. Sei appuntamenti tra narrativa, storia, ricordi.

Pubblicata il 06/02/2019

Ritorna Incontri con l’Autore, la rassegna letteraria che, a Camposampiero, vanta una storia pluridecennale (è stata fondata negli anni ‘60 dello scorso secolo dalla Biblioteca comunale) nel corso della quale ha fatto arrivare in città alcuni tra i nomi più importanti della cultura regionale e nazionale.
 
Sei le presentazioni in programma dal 15 febbraio al 29 marzo.    
 
Ad aprire la rassegna sarà, venerdì 15 febbraio alle 18.30 presso la sala conferenze di villa Campello, la presentazione del libro I dettagli sono importanti. Dodici racconti italiani, di Enrico Grandesso.
Edita nel 2018 da Biblioteca dei Leoni, la raccolta spazia dal grottesco al visionario, dalla satira alla prosa poetica, dalla denuncia sociale allo scavo nell'interiorità, offrendo uno spaccato dei nostri giorni. Partendo dal Veneto, Grandesso sveste le maschere e gli abiti da festa di un'Italia ferita da una crisi culturale verticale, che tuttavia non ha ancora smarrito nella sua parte migliore la tensione e l'energia di resistere. Dialogherà con l’autore il giornalista Carlo Toniato, letture a cura di Federico Pinaffo.  
 
Alla terra veneta ed ai suoi grandi narratori e poeti è dedicato anche il secondo incontro, in programma venerdì 22 febbraio, alle 18.30 in villa Campello.
Nicola De Cilia, scrittore e critico letterario presenterà Saturnini, malinconici, un po' deliranti. Incontri in terra veneta, edito da Ronzani. Si tratta di un libro di incontri ed interviste in cui l’autore dipana il filo del tenace rapporto che lega alla loro terra gli scrittori veneti del novecento, da Meneghello a Mario Rigoni Stern, da Parise a Berto, da Zanzotto a Comisso. Di questo, oltre che del paesaggio “sfregiato” così come appare nell’intensa conversazione con il poeta di Revine, Luciano Cecchinel, discuterà con l’autore, Donata Riccitiello, bibliotecaria.     
 
Si prosegue quindi lunedì 25 febbraio, presso la sala riunioni dell’oratorio di Rustega dove, alle 20.45, Dino Scantamburlo presenterà In riposo, per sempre.
Nel libro, edito da Mediagraf, che ricorda i soldati di Camposampiero caduti e dispersi nella Prima Guerra Mondiale, parlano le voci dei soldati e le testimonianze di chi ha sentito tramandare nella propria famiglia quell’esperienza terribile. Riemergono dal passato i nomi, i volti, le vite di quei giovani, strappati agli affetti familiari, ad una vita semplice e dedita al lavoro, all’orizzonte della propria realtà di paese e proiettati in un ambiente lontano, ostile, quasi sempre sconosciuto. L’incontro sarà dedicato in particolare ai caduti di Rustega, di cui l’autore tratteggerà i profili.
  
Dalla Grande Guerra l’obiettivo si sposta al periodo immediatamente precedente agli anni di piombo, in piena strategia della tensione.
L’occasione la offre la presentazione del libro Feltrinelli. Un omicidio politico, di Egidio Ceccato, ed. Castelvecchi. L’autore da vent’anni si interessa delle pagine più oscure della recente storia italiana e questa pubblicazione segue di appena un anno il volume su uno dei tanti misteri irrisolti della storia patria, il delitto Mattei.
L’appuntamento con la controversa figura dell’editore milanese e con la tesi che Ceccato propone ai lettori sulla sua morte è per venerdì 15 marzo, alle 18.30, in villa Campello.
 
La diaspora del popolo armeno fa invece da sfondo a La bellezza sia con te, di Antonia Arslan, pubblicato da Rizzoli.
La scrittrice de La masseria delle allodole ci regala pagine intrise di ricordi che narrano di meravigliosi mondi lontani e ci invitano a ricercare la segreta bellezza dell’altro “perché è la sola fonte di salvezza, l’unica luce che possa liberarci dalle tenebre dell’intolleranza”. Antonia Arslan autrice di numerosi bestseller, tra cui il già citato La masseria delle allodole (finalista al Premio Campiello e vincitore del Premio Stresa Narrativa), romanzo che fu fondamentale per la riscoperta del genocidio armeno, oltre che caso letterario da cui i fratelli Taviani trassero l’omonimo film, è molto conosciuta a Camposampiero, anche per essere presidente del premio di poesia religiosa.
La presentazione si terrà venerdì 22 marzo, alle 18.30 in sala Filarmonica, ore 18.30.
 
Il paesaggio veneto ritorna prepotentemente in scena nell’incontro che chiude la rassegna.
Venerdì 29 marzo, alle 18.30 nella sala conferenze di villa Campello, Paolo Malaguti presenta
Lungo la Pedemontana. In giro lento tra storia, paesaggio veneto e fantasie.
Nel libro, la Superstrada Pedemontana diviene il pretesto per un viaggio in bicicletta nel territorio che essa attraversa, “un tessuto sociale e produttivo unico in Europa, un orizzonte ininterrotto di paesi, vigneti e fabbriche, proiettato al tempo stesso nel futuro e legato a doppio filo alle proprie tradizioni”.
Malaguti, nato a Padova, docente di Lettere nel vicentino, è autore tra gli altri di Sul Grappa dopo la Vittoria, La reliquia di Costantinopoli (finalista premio Strega) e Prima dell’alba.
 
La rassegna Incontri con l’Autore è organizzata dall’assessorato alla cultura della Città di Camposampiero e dalla Biblioteca comunale, in collaborazione con Rete BiblioAPE e Libreria Costeniero – Camposampiero.  
 
Tutti gli incontri sono ad ingresso libero, fino ad esaurimento dei posti disponibili.
  
Per informazioni:
 
Biblioteca comunale - Ufficio cultura
049 9300255 - cultura@comune.camposampiero.pd.it
 
Libreria Costeniero
049 738 1127 – camposampiero.libreria@costeniero.it
 
 

Allegati

Nome Dimensione
Allegato locandina.png 226.75 KB

Facebook Google+ Twitter